The Giver

The giver

Ci sarebbe da pesare all’ennesima scopiazzatura di Hunger Games se The giver non si basasse su un romanzo del 1993, largamente antecedente a quelli di Hunger Games.

Originariamente il libro “The giver” era una specie di versione autonoma dei principi base tracciati da Aldous Huxley nel 1932 con Il mondo nuovo, ovvero una società che fa di tutto per levare umanità agli uomini così da tenerli a bada, la divisione in caste, la cancellazione del passato del mondo, il concepimento in laboratorio e via dicendo.

Ma nella sua versione cinematografica diventa qualcosa tra Hunger Games e Divergent, Meryl Streep ha lo stesso ruolo di Kate Winslet, cioè subisce l’influenza di successi più recenti senza riuscire a centrare i loro stessi obiettivi.

Con un protagonista maschile al posto della consueta eroina ma il medesimo feeling di “essere unici in un mondo che ti vuole omologato”, la medesima metafora del passaggio d’età e il medesimo messaggio di ribellione della classe dei figli contro quella dei genitori, The giver si connota come una versione all’acqua di rose delle avventure di Katniss Everdeen.

A mancare totalmente al film in fatti è il fascino di una perdizione totale.

L’oppressione perpetrata attraverso l’annullamento delle emozioni non trova mai la rabbia dello spettatore, la lenta scoperta di un altro mondo, fatto di colori, sentimenti e libera espressione è rappresentato attraverso un immaginario di repertorio, nel senso stretto, sono proprio immagini non girate per l’occasione, che attinge più alle pubblicità degli orologi, dei profumi, ecc.

Il progetto era stato cullato a lungo da Jeff Bridges che interpreta il grande vecchio incaricato di trasmettere la conoscenza del passato al protagonista, e alla fine è stato scritto da Robert B. Weide e diretto da Philip Noyce, un team decisamente più ferrato con cinema diretto alla generazione dei genitori che a quella dei figli, visibilmente a disagio con l’idea di colpire duro i grandi e assolvere in pieno i più giovani che poi è la base del successo di questi film.

Alla fine pare che tutto il compito di rendere la liberazione del protagonista sia lasciato al passaggio tra bianco e nero e colore.

Un po’ poco considerato quel che si vede in giro.

Non mi è piaciuto per niente… banale e scontato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...